Resuscitare MacBook Pro

Il vecchio MacBook Pro di mia moglie é schiattato…
Nel senso che non si accende più, o meglio… si accende, ma poi durante il loading dopo il gong si spegne di colpo.

E’ un MacBook Pro 13″ Early 2011 (quindi non proprio nuovissimo, ma nemmeno così vecchio) la cosa interessante é che supporta ufficialmente fino a Mac OS X High Sierra, leggendo in giro ho visto che tanti hanno avuto alcuni problemini.
Dunque ho pensato di partire con una versione un pelo più vecchia (El Capitan) e magari poi con più calma con High Sierra, quindi perché non provare ad aggiornarlo e vedere se riparte?

A me dispiace sempre buttar via cose che possono ancora funzionare, quindi ho deciso di perderci un po’ di tempo per provare a sistemarlo…

Ho fatto subito una prova d’avvio tenendo premuto option (per vedere i dischi avviabili), e mi sono accorto che il disco di avvio, invece di chiamarsi col solito nome, ora si chiama EFI Boot.


Andando a spulciare il web, ho scoperto che questo cambiamento di nome può verificarsi se per un qualche motivo X si rovina la partizione di avvio e ciò può essere un indicatore del problema.
Quindi é un problema software e non hardware, e questo mi da un minimo di speranza che sia resuscitabile (per l’ennesima volta, visto che sono anni che lo rianimo per un motivo o per l’altro).

Step 1: Procurarsi l’ultima versione di Mac OS X compatibile

Sembra facile, ma non é proprio così. Purtroppo con l’ultimo aggiornamento di Mac OS X (Mojave), apple ha praticamene reso impossibile scaricare vecchie versioni di Mac OS X.

Quindi come fare? Se abbiamo un vecchio Mac ancora funzionante (come nel mio caso il mio vecchio iMac che per fortuna é ancora Yosemite) possiamo ancora scaricare da apple store i vecchi OS X, oppure dovremo cercare soluzioni meno convenzionali… il che significa scaricarlo con torrent. 
Una volta ottenuta l’immagine, potremo farci una bella penna usb con cui poter far partire l’installazione e brasare via tutto (io lo consiglio, ma ovviamente prima salvatevi i vostri dati se potete)

Per scaricare OS X El Capitan, collegati alla pagina dedicata dell’App Store cliccando qui, quindi clicca sul pulsante Visualizza sul Mac App Store e una volta reindirizzato sull’App Store clicca Ottieni (è necessario inserire le credenziali del proprio account).

Al termine del download ti sarà chiesto se procedere con l’installazione di OS X El Capitan, seleziona dal menù in alto a sinistra InstallaOS X>Esci da installazione OS X per uscire dall’installazione.

OS X El Capitan verrà salvato nella cartella Applicazioni del Mac con il nome “Installazione di OS X El Capitan”.
Puoi copiarlo e metterlo in cassaforte, non si sa mai….

Step 2: Prepariamo la pennetta usb

Ci sono diversi modi per creare una penna usb da utilizzare come disco di avvio per l’installazione

  • Tramite un software
    io per comodità ho utilizzato DiskMaker X scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale, è molto semplice da utilizzare, basta scegliere l’immagine di El Capitan e la penna usb dove installarlo.
  • Tramite riga di codice con Terminal
    sudo /Applications/Install\ OS\ X\ El\ Capitan.app/Contents/Resources/createinstallmedia

qui la guida ufficiale di apple

Step 3: Installare El Capitan

Una volta preparata la pennetta, basta inserirla e durante l’avvio del Mac tenere premuto il tasto option, in questo modo verranno visualizzati i dischi di avvio e potrai scegliere per l’appunto la pennetta e far partire l’installazione.

Ora… io ho avuto qualche problemino durante l’installazione …

all’inizio non riuscivo a scaricare dal Mac di mai moglie (Mojave) l’immagine di El Capitan, avevo provato diverse immagini prese da torrent, ma non funzionavano.
Per fortuna il mio vecchio iMac ha ancora Yosemite, e sono riuscito a scaricare l’immagine di El Capitan direttamente da apple store.
Una volta scaricato, ho creato la pennetta, ma facendo l’installazione dal MacBook Pro mi dava alcuni errori

 

  1.  Il primo errore che mi dava era questo:
    “This copy of the Install OS X El Capitan application can’t be verified. It may have been corrupted or tampered with during downloading”
    alla fine ho trovato come risolverlo qui

    Follow this tutorial. This applies to the reply from @Cazuma Nii Cavalcanti. In short once you are at the first install page go to tools in the nav bar and open the terminal, in the terminal type date MMDDHHmmYY replacing the letters as follows.

    MM - 2 digit month  01 - 12
    DD - 2 digit date   01 - 31
    HH - 2 digit hour   01 - 24
    mm - 2 digit minute 01 - 59
    YY - 2 digit year   > 15

    Quindi in parole povere, aprire Terminal e digitare:
    date 1031213018      (si, la sera di halloween ho sistemato il Mac…)
  2. Il secondo errore invece, era nello  scompattare alcuni files durante l’installazione…
    ecco, devo ammettere che a questo punto avevo un pelo perso le speranze…


Alla fine mi é venuto in mente di provare a fare l’installazione passando dall’iMac

  1. Collegando l’ hd esterno con un adattatore sata alla porta usb
  2. Collegato la penna usb con l’immagine di El Capitan
  3. Riavviato l’iMac tenendo premuto option in modo da selezionato la penna per far partire l’installazione
  4. Durante l’installazione ho selezionato l’hd esterno
  5. Seguito tutti gli step del wizard di installazione e pazientato un po.

    una volta finita l’installazione, ho rimontato l’hd sul MacBook Pro, e via….
    tutto pronto.

Step 4: Enjoy

Avevo qualche dubbio prima dell’installazione sulle performance di El Capitan su un vecchio modello, ma devo ammettere che funziona molto bene ed é anche bello veloce.
Solo una precisazione, l’unica cosa che ho migliorato tempo fa su questo MacBook Pro é l’ hard disk, che ho sostituito con un ssd (prima o poi riuscirò a scrivere un articolo anche su quello)

Lascia un commento

Back to Top